SULLA DECORRENZA DEL TERMINE PRESCRIZIONALE DELL’AZIONE DI RIPETIZIONE DI INDEBITO – PRESCRIZIONE DELLE RIMESSE C.D. “SOLUTORIE” ALLA LUCE DELLA PIU’ RECENTE GIURISPRUDENZA DI LEGITTIMITA’ E DI MERITO

Costituisce ormai principio pacifico nella giurisprudenza di legittimità e di merito che il momento iniziale del termine prescrizionale per il reclamo delle somme indebitamente pretese e trattenute dalla banca a titolo di interessi ed oneri decorre dalla definitiva chiusura del rapporto ed è decennale.
In tema, cfr., Cass. SS.UU. n. 24418/2010, Cass. n. 43892/99, Cass. n. 3783/98, Cass. n. 5720/04.
Ne consegue, pertanto, che la domanda giudiziale per ripetizione di indebito afferente gli interessi pretesi e percepiti illegittimammente dalla banca va proposta entro dieci anni dall’estinzione del rapporto.
Per quanto attiene la prescrizione estintiva delle c.d. rimesse “solutorie”, oggetto di eccezione degli istituti di credito, alla luce della ben nota sentenza a SS.UU. della Cassazione del 2010, si rileva quanto segue.
Sovente, le banche nelle comparse di costituzione e risposta si limitano a formulare l’eccezione di prescrizione delle rimesse solutorie in termini assolutamente astratti, generici ed indeterminati, nell’assoluto difetto di specifica ed analitica allegazione delle stesse.
In proposito, si è espresso il Tribunale Taranto, 2a Sez., con ordinanza 07.10.2013, secondo cui è onere della banca, convenuta dal correntista con l’azione di ripetizione, individuare i fatti costitutivi dell’eccezione di prescrizione delle rimesse solutorie immediatamente nella comparsa di costituzione e risposta, così come previsto dal combinato disposto ex art. 2697, co. 2, c.c. ed art. 167 c.p.c..
Ne consegue, pertanto, che l’istituto di credito deve individuare, sin da subito nel proprio primo atto difensivo, cioè la comparsa di costituzione e risposta, quindi a pena di decadenza, le rimesse aventi natura solutoria, non potendo neppure avvalersi, in corso di causa, dell’ausilio di una consulenza tecnica d’ufficio cui delegare il relativo accertamento.
Secondo la migliore giurisprudenza in materia, consolidatasi a seguito della richiamata pronuncia a SS.UU. della Cassazione, al fine di eccepire l’intervenuta prescrizione di un’azione di ripetizione dell’indebito relativa a un rapporto di conto corrente, l’istituto bancario ha l’onere di fornire elementi probatori diretti a dimostrare che i relativi versamenti siano da considerare solutori, circostanza che fa decorrere la prescrizione del diritto dal momento in cui essi sono effettuati.
Il difetto di specifica allegazione da parte della banca di tutte le partite solutorie asseritamente prescritte, inficia radicalmente la relativa eccezione che deve intendersi, pertanto, non idoneamente proposta.
La banca è tenuta ad allegare, a sostegno della proposta eccezione di prescrizione, oltre che il decorso del tempo, anche l’ulteriore circostanza concernente il limite dell’affidamento. Invero, essa costituisce il fondamento del fatto estintivo (la prescrizione) della pretesa avanzata dall’attore, in quanto, come visto, solo per le operazioni extra fido può configurasi un’attività solutoria e quindi far coincidere l’inizio della prescrizione con la data del versamento.
In quanto tale è, dunque, compito della parte convenuta allegare e comprovare l’intervenuta prescrizione, con l’ulteriore conseguenza che, in mancanza, ex art. 2697 c.c., l’omessa prova o, comunque, il dubbio residuante all’esito della compiuta istruttoria non può che ricadere a carico di parte eccipiente.
La possibilità per la parte di sollevare l’eccezione implica che ad essa sia fatto onere di allegare l’elemento costitutivo e di manifestare la volontà di profittare di quell’effetto: in particolare, in caso di pluralità di atti esecutivi (come sono i differenti i vari versamenti extrafido effettuati dal correntista nel corso del rapporto di apercredito con scoperto in conto corrente) è necessario che l’elemento costitutivo sia specificato, dovendo il convenuto precisare il momento iniziale dell’inerzia in relazione a ciascun versamento effettuato extrafido.
Sul punto, per tutte, cfr., la recente Tribunale Pescara, sentenza 24.06.2013.
In argomento, si segnala anche Tribunale Novara, sentenza 01.10.2012, secondo la cui massima: “E’ onere della banca, che eccepisce l’intervenuta prescrizione dell’azione di ripetizione di indebiti versamenti in conto, dimostrare che tali versamenti siano intervenuti extrafido.”.
In ogni caso, è principio pacifico in giurisprudenza che l’eccezione di prescrizione dell’azione volta ad ottenere la restituzione di somme indebitamente pagate dal cliente alla banca a titolo di interessi anatocistici deve essere formulata in forma specifica, precisando il momento iniziale dell’inerzia del correntista in relazione a ciascun versamento con funzione solutoria.
In argomento, cfr., Corte d’Appello Milano, sentenza 20.02.2013.
Sul punto, v., anche Tribunale Prato, sentenza 01.03.2013, n. 313, secondo la cui massima: “Il termine di prescrizione dell’azione di ripetizione dell’indebito relativo a rimesse extrafido (e dunque di natura solutoria) è decennale e decorre dal momento in cui si sono verificati i pagamenti. È onere della banca, che eccepisce l’intervenuta prescrizione di detta azione di ripetizione, dimostrare il carattere solutorio (e non meramente ripristinatorio) dei versamenti eseguiti dal correntista.”.
Risulta, pertanto, preciso onere dell’istituto di credito quello di allegare ed indicare i pagamenti aventi finalità solutoria, onere che, alla luce delle frequenti generiche ed indeterminate eccezioni sul punto, in difetto di specifica allegazione di tutti i pagamenti caratterizzati da natura solutoria, non può ritenersi assolto.
In argomento, cfr., Tribunale Aosta, 02.03.2012, n. 96.
In proposito, la Corte d’Appello di Lecce ha lucidamente statuito che: “Deve per completezza aggiungersi che risultano infondate le reiterate eccezioni di prescrizione quinquennale ex art. 2948 n. 4 e di decadenza per mancata tempestiva impugnativa degli estratti conto, la prima in quanto genericamente formulata, non avendo la banca prodotto gli estratti conto ed incombendo su colui che eccepisce la prescrizione del credito l’onere di allegare e provare il fatto che, permettendo l’esercizio del diritto, determina l’inizio della decorrenza del termine ai sensi dell’art. 2935 cod. civ., restando peraltro escluso che il giudice possa accogliere l’eccezione sulla base di un fatto diverso, conosciuto attraverso un documento prodotto ad altri fini da diversa parte in causa…”.
Così, Corte d’Appello Lecce, Sez. Dist. Taranto, 23.01.2012, n. 39.
V., pure, Tribunale Napoli, 06.02.2012, n. 1467, secondo cui… “… né risulta – ed in tal senso la banca che ha proposto l’eccezione in esame nulla ha specificamente dedotto e provato sul punto – che la società correntista abbia effettuato dei versamenti aventi connotati tali – nei termini di cui sopra – da poter essere considerati alla stregua di pagamenti e, quindi, da costituire oggetto di ripetizione…”.
Ne consegue, pertanto, che è onere della banca eccepire l’intervenuta prescrizione non in forma generica, come spesso accade, ma specificatamente, cioè indicando che la prescrizione debba colpire le operazioni di versamento che non hanno funzione ripristinatoria della provvista, precisando il momento iniziale dell’inerzia del correntista in relazione a ciascun versamento extrafido con funzione solutoria (non tutti i versamenti extrafido possono avere funzione solutoria).
Di contro, è compito del giudice accertare quale sia il tipo e la durata della prescrizione stessa e se essa sia decorsa, non potendosi sostituire alla difesa della convenuta, specificandone l’elemento costitutivo e demandando detta individuazione al consulente tecnico d’ufficio.
L’eccezione di prescrizione, in quanto eccezione senso stretto, deve fondarsi su fatti allegati dalla banca, quand’anche suscettibili di diversa qualificazione da parte del giudice.
Se nulla la banca ha specificatamente osservato circa la natura solutoria dei versamenti effettuati dal correntista durante il rapporto, nè ha individuato o allegato detti versamenti e gli effetti che hanno avuto nel saldo finale, allora la genericità dell’eccezione non rende comprensibile ed individuabile l’eccezione stessa che non può che essere dichiarata inammissibile.
Definitivo suggello a detto orientamento giurisprudenziale di merito è stato posto da una recentissima sentenza della Cassazione, secondo cui: I versamenti eseguiti sul conto corrente in costanza di rapporto hanno normalmente funzione ripristinatoria della provvista e non determinano uno spostamento patrimoniale dal solvens all’accipiens e, poiché tale funzione corrisponde allo schema causale tipico del contratto, una diversa finalizzazione dei singoli versamenti, o di alcuni di essi, deve essere in concreto provata da parte di chi intende far percorrere la prescrizione dalle singole annotazioni delle poste illegittimamente addebitate.
In argomento, cfr., la recentissima, Cass. 1a Sez. Civ., 26.02.2014, n. 4518.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...