SULLA NULLITA’ DEL SISTEMA DI DETERMINAZIONE DELLE VALUTE NEI RAPPORTI DI C/C BANCARIO

Nell’ambito del contenzioso bancario, le risultanze peritali d’ufficio e/o di parte evidenziano frequentemente che ad onerare ulteriormente la posizione del correntista a vantaggio della banca, contribuisce in modo rilevante il c.d. “gioco delle valute”.
La valuta di un’operazione registrata in conto corrente è il giorno a partire dal quale la somma corrispondente diventa fruttifera e determina interessi passivi e attivi; detta valuta coincide normalmente con la scadenza dell’operazione.
L’utilizzo della valuta bancaria, solo ed esclusivamente a carico del correntista, costituisce un aggravio ingiustificato, in quanto fa decorrere gli interessi passivi non dall’effettivo pagamento del titolo, bensì, dalla data di emissione, con palese violazione di legge.
Tale prassi bancaria si traduce, pertanto, non solo in una disposizione vessatoria, ma anche in un ulteriore costo che il correntista non può determinare al momento della stipula del contratto, traducendosi quindi in una clausola nulla per indeterminatezza dell’oggetto ex art. 1346 c.c..
Occorre distinguere, poi, la valuta effettiva dalla valuta fittizia.
Il primo caso è quello in cui il giorno a partire dal quale la somma corrispondente diventa fruttifera coincide effettivamente con quello in cui la banca acquista o perde la disponibilità giuridica delle somme versate o prelevate.
La valuta fittizia, invece, è quella adottata dalla banca e che risulta dall’aggiunta o dalla sottrazione di un certo numero di giorni, dei c.d. giorni banca, alla valuta effettiva.
In altri termini, con detto ultimo sistema, non vi è coincidenza fra decorrenza della valuta e la data dell’operazione: ad esempio la valuta a carico di chi emette un assegno bancario decorre dalla data di emissione e non da quello dell’effettivo pagamento che può essere di diversi giorni successivi e dall’altro, la valuta a favore di chi incassa l’assegno non coincide con il momento dell’incasso, ma con il giorno dell’effettivo accreditamento.
Con tale prassi, le banche non hanno fatto altro che lucrare ulteriori interessi fittizi, a discapito del cliente che se da un lato vede moltiplicarsi i giorni banca a suo sfavore nei conti attivi per la banca, li vede diminuire in quelli attivi a suo favore.
In buona sostanza, la banca nega interessi attivi (sottraendo giorni al cliente) e aumenta quelli passivi (aumentando i giorni di esposizione a proprio guadagno).
Mentre gli addebiti sono contabilizzati con decorrenza reale o addirittura antecedente, gli accrediti richiedono una postergazione che può giungere anche fino a quindici giorni rispetto alla data della operazione.
In proposito, si evidenzia come l’obbligo della forma scritta imposto dall’art. 1284 c.c. si estende anche alle pattuizioni relative alla decorrenza della valuta (relative cioè alla data a partire dalla quale vengono imputati gli interessi a debito e a credito sul conto del cliente), poiché dette pattuizioni si risolverebbero in una modifica del saggio di interesse applicato sui saldi attivi e passivi.
Il difetto di espressa pattuizione di detti ulteriori interessi ultralegali, pertanto, comporta l’assorbimento degli stessi nel calcolo di tutti gli interessi ultralegali c.d. principali non specificamente convenuti.
Ne consegue l’inammissibilità della determinazione della valuta operata dalla banca, in difetto di espressa pattuizione scritta, anche ai sensi dell’art. 1341 c.c..
Il c.d. “gioco delle valute” si traduce anch’esso, di fatto, in un ulteriore addebito di interessi ultralegali non pattuiti, integrante la violazione degli artt 1283 e 1284 c.c..
Di regola, perché si abbia un computo in valuta effettiva dovrà tenersi conto che, se per i prelevamenti la valuta dovrà coincidere con il giorno del pagamento dell’assegno, cioè del giorno in cui la banca perde effettivamente la disponibilità del denaro, per quanto riguarda i versamenti si dovrà, invece, riportare la valuta corrispondente al giorno in cui la banca acquista effettivamente la disponibilità del denaro.
Ne consegue che,in relazione a pattuizioni non aventi i necessari requisiti di Legge, anche gli interessi lucrati in tal modo dalla banca dovranno essere ricalcolati, con rettifica dell’antergazione e/o postergazione dei c.d. “giorni di valuta” operata dall’istituto di credito.
In ogni caso, chi scrive ritiene doveroso ribadire che, ai fini di ogni più idonea e puntuale eccezione in tal senso, risulta indispensabile conseguire una perizia di parte in cui vengano evidenziati anche, operazione per operazione, i singoli giorni valuta fittizi che la banca ha applicato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...